Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home News IL CONSIGLIO DEGLI STUDENTI UNIMC INTERVIENE SUL NUOVO REGIME DI CONTRIBUZIONE STUDENTESCA

IL CONSIGLIO DEGLI STUDENTI UNIMC INTERVIENE SUL NUOVO REGIME DI CONTRIBUZIONE STUDENTESCA

NOTA PER GLI STUDENTI DELLA PRESIDENTE DEL CDS, REBECCA MARCONI
Nota sulla contribuzione studentesca

Nota sulla contribuzione studentesca

Care colleghe studentesse e cari colleghi studenti UNIMC,

in qualità di Presidente del Consiglio degli Studenti ho il dovere di informarvi in merito alla nuova riforma della tassazione e sento, anche, l’urgente bisogno di chiarire alcune dinamiche che hanno portato a tale esito, per scongiurare qualsiasi malinteso e per garantire un’informazione trasparente e veritiera. La riforma è stata necessaria per adattarci a quanto stabilito dalla legge di stabilità statale di dicembre 2016 (legge 232/2016, commi 252-272, http://www.gazzettaufficiale.it/eli...) e sarà valida a partire dal prossimo anno accademico., 2017/2018.

La legge nazionale sembra apparentemente favorevole, ma tecnicamente impone dei vincoli molto stringenti a tutte le Università italiane, che si sono viste costrette a dover riformulare la propria tassazione per mantenere invariate le proprie entrate annuali e garantire un pareggio di bilancio. La riforma della tassazione studentesca UNIMC è stato il risultato di un processo di tre mesi che noi rappresentanti del Consiglio degli Studenti (liste studentesche: Officina Universitaria, Run e Obiettivo Studenti) abbiamo seguito passo dopo passo. Una questione di tale portata richiede delle conoscenze tecniche del settore che purtroppo non possediamo in toto, ma proprio per questo, con responsabilità e profondo impegno, abbiamo creato un tavolo di lavoro con gli Uffici addetti dell'Ateneo per formulare una proposta condivisa, in un dialogo trasparente e costante con gli Uffici. Dopo numerose analisi e diversi tentativi, siamo giunti alla formulazione dell’attuale nuova riforma della tassazione, che è stata poi approvata in Consiglio d’Amministrazione. (In Consiglio d’Amministrazione siedono due rappresentanti degli studenti, Lorenzo di Tommaso e Matteo Martelli, che hanno partecipato al tavolo condiviso con la sottoscritta e che hanno diligentemente sempre aggiornato il CDS sugli sviluppi dei lavori). La questione della tassazione è stata discussa in sede di Consiglio degli Studenti con largo anticipo, proprio per permettere a tutti i rappresentanti e ad ogni lista studentesca di poter formulare delle considerazioni mature ed eventualmente delle controproposte. Dopo un ampio dialogo, abbiamo avanzato congiuntamente delle proposte di modifica ad alcune parti, che sono state accolte dagli organi istituzionali, e successivamente votato all’unanimità la nuova riforma.

E’ evidente che per qualcuno le tasse aumenteranno, in particolare per quelli con un isee superiore a 25.000€, ma bisogna sottolineare che l’adeguamento ha imposto miglioramenti su alcuni fronti, a discapito di altri, inevitabilmente, e non solo per il nostro Ateneo. Dovendo fare una scelta abbiamo preferito far pagare di più a chi ha di più per far pagare meno a chi ha di meno. In merito alle specificità della nuova tassazione rimando al link della pagina FB del CDS e dell’apposito portale UNIMC http://adoss.unimc.it/it/iscrizione...
Prego tutti gli studenti di provare a comprendere la natura, la portata e le cause di tale decisione, nonchè la responsabilità in capo al Consiglio degli Studenti tutto. Sono conscia delle difficoltà che alcuni potranno riscontrare, ma le questioni tecniche in merito sono molto più critiche e difficoltose di quanto possa sembrare e sarebbe stupido anche da parte nostra, studenti come voi, approvare una tassazione sconsiderata o irragionevole. Quanto è stato deciso è frutto del nostro lavoro di rappresentanti, con tutti i vincoli e i limiti del caso dati da una legge statale, non interna al nostro Ateneo.

In qualità di Presidente del Consiglio degli Studenti, così come gli altri membri del CDS, ho a cuore i diritti di ciascuno di voi, che sono anche i miei e i nostri. Il diritto allo studio è costituzionalmente garantito, perchè ci rende liberi ed umani nella nostra dignità ed è proprio perchè credo in questo che vorrei far capire ad ognuno di voi il nostro impegno quotidiano. Restiamo a completa disposizione, sempre, per qualsiasi chiarimento e condivisione, non solo in merito alla tassazione, perchè l’Università è molto altro e vorremmo sempre sentirvi e vedervi protagonisti attivi per migliorare insieme il migliorabile e per dare voce e forma ai nostri diritti. Rappresentiamo ogni studente, gli interessi e i diritti di tutta la comunità studentesca e per essere buoni rappresentanti abbiamo bisogno di tutti voi.

Rebecca Marconi Presidente del Consiglio degli Studenti UNIMC
https://www.facebook.com/rebecca.ma
email: rebecca.marconi@outlook.it - r.marconi5@studenti.unimc.it